Mini.Bond.150.gifIl Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società non quotate prevedendo agevolazioni in precedenza riservate alle società quotate.
Grazie all'attuale disciplina normativa, le società non quotate potranno ricorrere a forme di finanziamento alternative al credito bancario attraverso l'emissione dei c.d. Mini Bond (titoli di debito a medio - lungo termine) sottoscrivibili da investitori professionali in grado di indirizzare risparmio di lungo periodo.
Beneficiari sono sono le PMI e Corporate, con merito creditizio positivo, bilanci in utile e concrete possibilità di sviluppo.

Non sono previsti limiti di importo. Previste agevolazioni fiscali. Inoltre il ricorso al finanziamento tramite i mini bond non costituisce un aumento dell'esposizione bancaria. MISURA APERTA - PROCEDURA A SPORTELLO. Chiedi informazioni

Logo Italia Contributi

Richiedi un Appuntamento a Milano

Richiedi un appuntamento in altre città

Richiedi informazioni

Richiedi una Pre-Fattibilità

 

Il Decreto Sviluppo (D.L. 83/2012) è focalizzato essenzialmente sull’adozione di misure volte a consentire un parziale rilancio economico del nostro Paese a vantaggio delle piccole e medie imprese (di seguito “PMI”).

Per "piccole" si intendono le imprese con meno di 50 dipendenti ed un fatturato annuo o uno stato patrimoniale annuo inferiore a 10 milioni di Euro mentre per "medie" si intendono le imprese con meno di 250 dipendenti ed un fatturato annuo inferiore a 50 milioni di euro o un totale dell’attivo dello stato patrimoniale inferiore a 43 milioni di euro.

Tra le novità proposte dal Governo si annoverano anche i c.d. mini bond (ovvero cambiali finanziarie ed obbligazioni emesse dalle PMI).

L’art. 32 del Decreto Sviluppo, rubricato “Strumenti di finanziamento per le imprese” consente alle PMI (con espressa esclusione delle banche e delle micro-imprese, ovverosia di quelle con meno di 10 dipendenti e che realizzano fatturato o bilancio annui fino a 2 milioni di euro), in presenza di alcuni specifici requisiti, di ottenere capitali di investimento attraverso l'emissione di strumenti di debito a breve termine, detti anche cambiali finanziarie, e a medio lungo termine, meglio noti come obbligazioni e/o titoli similari ed obbligazioni partecipative subordinate.

 

MINI BOND: DEFINIZIONE


Obbligazioni a medio lungo termine atte a finanziare piani di sviluppo e/o investimenti straordinari dell’azienda.

 


AZIENDE EMITTENTI

 

REQUISITI


Società italiane non quotate,Società cooperative e mutue assicuratrici diverse dalle banche e dalle micro imprese.

 

Le imprese devono avere più di 10 dipendenti e un fatturato superiore a 2 milioni di euro.

 

LIMITI DI EMISSIONE


Nessun limite per le emissioni di obbligazioni destinate ad essere quotate in mercati regolamentati o in sistemi multilaterali di negoziazione.

 

In precedenza i limiti previsti dall’articolo 2412 del codice civile erano: il doppio di capitale sociale + riserva legale + riserve disponibili.

  

CARATTERISTICHE DEL MINI BOND

Il tasso e l’importo sono fissati all’atto dell’emissione, tenendo in considerazione le esigenze e le caratteristiche dell’emittente e le richieste del mercato.

 

INVESTITORI


Sono riservati a investitori professionali di diritto o su richiesta.

Per investitori professionali si intendono coloro che posseggono l’esperienza, la conoscenza e la competenza necessaria per prendere le proprie decisioni in materia di investimenti e per valutare correttamente i rischi che in tal modo possono
assumersi.

 

DURATA


Preferibilmente non inferiore a 36 mesi.

Il rimborso può essere in un’unica soluzione o con ammortamento del capitale.

 

MERCATO DI QUOTAZIONE


Quotati sul segmento professionale del mercato ExtraMOT denominato ExtraMOT PRO di Borsa Italiana.

 

BENEFICI FISCALI


PER L’INVESTITORE


• Investitore estero residente in Paesi White list: sono esenti da tassazione in Italia gli interessi e gli altri proventi derivanti da Mini Bond negoziati in mercati regolamentati o in sistemi multilaterali di negoziazione.


• Investitore “lordista” residente in Italia:
nessuna ritenuta alla fonte per interessi ed altri proventi derivanti da Mini Bond negoziati in mercati regolamentati o in sistemi multilaterali di negoziazione.


PER L’AZIENDA


• Deducibilità degli interessi passivi entro il 30% del ROL (risultato operativo lordo) per i titoli quotati e per i titoli non quotati a condizione, per quest’ultimi, che siano detenuti da investitori qualificati che non detengano, direttamente o indirettamente, anche per il tramite di società fiduciarie o per interposta persona, più del 2 per cento del capitale o del patrimonio della società emittente e che il beneficiario effettivo dei proventi sia residente in Italia o in Stati e territori che consentono un adeguato scambio di informazioni.


• Deducibilità delle spese di emissione nell’esercizio in cui sono sostenute

 

REQUISITI PER L’AZIENDA


REQUISITI NORMATIVI


• Congruità della forma giuridica: società, non quotate, nella forma giuridica di spa o srl, per queste ultime sempre che lo statuto preveda la possibilità di ricorrere a finanziamenti attraverso l’emissione di titoli di debito.


• Esclusione di banche e micro imprese.


• Inclusione, oltre alle imprese non quotate di maggiori dimensioni, anche delle Piccole Medie Imprese (PMI).


PMI:
- piccola impresa: organico inferiore a 50 persone e fatturato o totale del bilancio annuale non superiore a 10 milioni di euro
- medie imprese : organico inferiore a 250 persone e fatturato non superiore a 50 milioni di euro o totale di bilancio annuale non
superiore a 43 milioni di euro

 

REQUISITI QUALITATIVI


• Ultimi due bilanci in utile di cui l’ultimo revisionato


• Valido posizionamento di mercato

 

• Capacità ed esperienza del Management


• Efficiente controllo di gestione


• Solido e dettagliato piano industriale


• Trasparenza nella comunicazione


• Forte propensione all’internazionalizzazione

 

AZIENDA EMITTENTE


All’ atto dell’ emissione


• Revisione dell’ultimo bilancio da parte di un soggetto autorizzato
• Delibera di emissione del prestito obbligazionario
• Deposito e iscrizione della delibera nel registro delle imprese (delibera notaio)


Successivamente all’eventuale ammissione alla negoziazione


• Pubblicazione dei bilanci annuali sottoposti a revisione contabile
• Comunicazione agli investitori di ogni evento che possa avere impatto sul titolo
• Rendere noto al mercato il rating (se pubblico)

 

MAGGIORI INFORMAZIONI

RICHIEDI


Pre-Fattibilità Gratuita

ITALIA CONTRIBUTI PRE FATTIBILTA GRATUITA 300

FINANZIAMENTI AGEVOLATI

nuovi finanziamenti agevolati 2019

CHIEDI INFORMNAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

CHIEDI APPUNTAMENTO

CHIEDI.APPUNTAMENTO

FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE

anticipo fatture 90 in 48 ore

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

ACQUACOLTURA

EMILIA ROMAGNA FEAMP MISURA 2.4.8 ACQUACOLTURA

SME Instrument 2018 PER LE PMI

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

PRESTITO PER SCORTE E CAPITALE CIRCOLANTE

PRESTITO SCORTE E CIRCOLANTE 250X250

IMPRESE SOCIALI E ONLUS

MISE ECONOMIA SOCIALE

NUOVA SABATINI: ACQUISTO ATTREZZATURE E BENI STRUMENTALI

NUOVA SABATINI 2017 2018

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

iNVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO.2017.250

SPORT, IMPIANTISTICA E SPAZI SPORTIVI

EMILIA ROMAGNA IMPIANTISTICA E SPAZI SPORTIVI

SPORT - BANDI PER L'IMPANTISTICA E GLI SPAZI SPORTIVI

EMILIA ROMAGNA IMPIANTISTICA E SPAZI SPORTIVI

PROGETTI ICT PER PROFESSIONISTI

EMILIA ROMAGNA BANDO PROFESSIONISTI ICT

NUOVA SABATINI

NUOVA SABATINI 2017 2018

MISE, AZIENDE VITTIME DI MANCATI PAGAMENTI:

finanziameti.alle.pmi.vittime.di.mancati.pagamenti

SELFIEMPLOYEMENT: PRESTITI A TASSO ZERO PER I GIOVANI

SELFIEMPLOIEMENT aprile 2017

Iscriviti alla Newsletter gratuita

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

PSR PRIMO BANDO INVESTIMENTI 2017

EMILIA ROMAGNA PSR PRIMO BANDO INVESTIMENTI

NO PROFIT ONLUS IMPRESE SOCIALI

MISE ECONOMIA SOCIALE

contributi ai settori turistico, commerciale e culturale-creativo

emilia romagna.azioni.332e 334

POR-FESR 2014-2020

emilia.romagna.POR 250

INTERREG ITALIA-SLOVENIA 2014-2020

interreg.italia.slovenia.250

CERCA

FONDI EUROPEI

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE
fino a 12.500.000 euro

FONDI BEI

FONDI.BEI

PER LE IMPRESE ITALIANE

CHIEDI INFORMAZIONI

 

Maggiori informazioni

RICHIEDI INFORMAZIONI

Internazionalizzazione: Programmi di inserimento sui mercati esteri

ISMEA NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI IN AGRICOLTURA

NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI

START UP NUOVE IMPRESE

finanziamenti a tasso zero

fino a 1.500.000

ISMEA.NUOVO.INSEDIAMENTO.GIOVANI.AGRICOLTURA.250

Chiedi informazioni

 

Ismea: Subentro e Ampliamento in Agricoltura

Maggiori informazioni

RICHIEDI INFORMAZIONI

Maggiori informazioni

RICHIEDI INFORMAZIONI

Iscriviti alla Newsletter gratuita

MOSTRA AGEVOLAZIONI VIGENTI NAZIONALI

Iscriviti alla Newsletter gratuita

VISITA ITALIA CONTRIBUTI

VI INTERESSANO I CONTRIBUTI PER ALTRE REGIONI?

logobisbordino.250

CLICCA E VEDI LE ALTRE REGIONI

Iscriviti alla Newsletter gratuita

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

CHIEDI APPUNTAMENTO

CHIEDI.APPUNTAMENTO

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE